Mercoledì 26 aprile - Ultimo aggiornamento 13:23
Sei in: Home > Ambiente
AMBIENTE - REGIONALE
data articolo03 gennaio 2017

Il fisioterapista della Viterbese aggredito nel suo studio.

Il fisioterapista della Viterbese aggredito nel suo studio.

Il rapinatore, forse un immigrato, tenta di colpirlo con un cacciavite ma lo manca.

Il fisioterapista della Viterbese aggredito nel suo studio.
VITERBO - ''Questa è l'italia. Aggredito con un cacciavite alla chiusura dello studio da un extracomunitario adesso sono in questura... ma per fare cosa?! Tanto se lo prendono non gli fanno un c... Continuate a fare i buonisti del c...''.
Questo lo sfogo a caldo di Simone di Serio, fisioterapista della Viterbese e nello staff della Stella Azzurra, aggredito da un uomo nella serata di ieri presso Strada Roncone mentre chiudeva il suo studio. Forse un immigrato che arrivato di fronte al tavolo della reception farfuglia 'Tu devi dare cosa a me' e poi tenta di rubare i contanti. Di Serio non si fa intimorire e tenta di difendersi ma inciampa.Il rapinatore cerca allora di colpirlo con un cacciavite ma il colpo non va a segno e finisce solo con il bucare la felpa che Di Serio indossava.A questo punto sfera un pugno per tentare di tramortire l'uomo e darsi alla fuga.
Di Serio alla fine se l'è cavata con un occhio nero e dopo essersi ripreso si è diretto in questura per denunciare la tentata rapina.A giudicare dal precedente sfogo su Facebook, senza troppa speranza di vedere fatta giustizia.
commenta

roma.ogginotizie.it