Mercoledì 26 aprile - Ultimo aggiornamento 13:23
Sei in: Home > Ambiente
AMBIENTE - VITERBO
data articolo05 gennaio 2017

«C'è puzza di gas» : Chiamato pronto intervento, ma rimangono fuori casa 4 giorni

«C'è puzza di gas» : Chiamato pronto intervento, ma rimangono fuori casa 4 giorni

Nota azienda locale che opera nel settore della distribuzione di gas naturale, esclude la fuga ma, le festività “congelano” il servizio di fornitura…

«C'è puzza di gas» : Chiamato pronto intervento, ma rimangono fuori casa 4 giorni
VEJANO - Sono le 14.00, quando inizia la sgradevole vicenda delle inquiline del secondo piano di un condominio in via Largo Salvo d’Acquisto, che avvertite per un forte odore di gas dal proprietario del locale al disotto della loro abitazione e adiacente al loro contatore, decidono di chiamare senza indugio il servizio di Pronto Intervento. L’ente erogatore coinvolto è uno dei più importanti in Italia e in Europa nel settore della distribuzione del gas naturale e, come ci si aspettava, il manutentore non tarda a giungere in loco e risolvere il problema, o quasi.L’odore di gas nelle ore successive persiste e i residenti, impauriti dal pensiero di una possibile esplosione, si affrettano, nuovamente, a chiamare il numero verde della società. Giunge un secondo operatore alle ore 18.30 circa e che fino alle 21.30 tenta inutilmente di individuare la rottura. Dopo aver escluso perdite di gas ed essere riuscito solo a supporre un probabile danno al contatore decide comunque di sigillarlo. Ai consumatori viene detto di occuparsi personalmente della riparazione del guasto e successivamente mandare un fax per ripristinare la fornitura che - causa Epifania - è comunque rimandata ad almeno dopo le feste. Per i prossimi 4 giorni, senza gas e senza possibilità di svolgere le attività quotidiane, la famiglia ha dovuto trovare una sistemazione alternativa.
Nella mattinata di oggi un idraulico di fiducia ha provveduto a controllare l’impianto e le operazioni hanno confermato l’assenza di fughe di gas.
Nel frattempo i proprietari, che a proprie spese hanno dovuto provvedere a mettere in sicurezza per quanto possibile la propria abitazione, ne rimangono fuori, in attesa che la Befana passi e che il servizio di Pronto Intervento torni a svolgere le normali attività.
Doveroso sottolineare che, notificato più volte il problema e non rilevata dal manutentore nessuna fuga di gas, la giornata di oggi - non festiva- sarebbe stata utile al fine dello svolgimento delle attività “dell’unità di Pronto Intervento per le verifiche e le operazioni tecniche del caso, per la salvaguardia dei cittadini, la messa in sicurezza degli impianti e il ripristino delle normali condizioni del servizio nel più breve tempo possibile”; agendo secondo quanto spiegato nei Servizi forniti dalla società e permettendo ai proprietari di rientrare in casa.

 

commenta

roma.ogginotizie.it